La pallavolo: uno sport sottovalutato

di Domenica Megalizzi
La pallavolo consente di evadere dalla routine quotidiana, mantiene allenato il nostro fisico, favorisce un senso di socializzazione e lavoro di squadra. Questo sport, una tra le attività fisiche senza età, oltre che arrecare benefici fisici, garantisce la salute mentale. Vi è un percorso da seguire, partendo dagli allenamenti, che permettono di automatizzare i movimenti e prendere consapevolezza del proprio corpo, fino ad arrivare ad affrontare partite vere e proprie, dove la giocatrice deve mantenere un alto livello di concentrazione, in primo luogo sviluppando il senso del proprio ruolo in campo e poi cercando di anticipare movimenti e strategie delle avversarie, ciò migliora la coordinazione e a livello di team favorisce un forte spirito di gruppo, armonia e socializzazione. Per quanto riguarda i benefici legati al corpo, questa disciplina sportiva coinvolge tutti i muscoli: prime fra tutte le braccia, a seguire gli addominali ed infine anche  gambe, polpacci e glutei, che vengono rassodanti grazie a salti e piegamenti, sviluppando di conseguenza l’elevazione è l’agilità. Tale disciplina era praticata a ridosso delle trincee per far passare il tempo ai militari a stelle e strisce prima delle battaglie. Il gioco è stato inventato da William G. Morgan ed è arrivato in Italia con i primi regolamenti editi dalla Young Men’s Christian (Ymca). Ad oggi la pallavolo è, secondo un’agenzia statistica brasiliana io “IRV Sevens”, il secondo sport più praticato al mondo, sfiorando il miliardo di praticanti. Restringendo il campo all’Italia, la pallavolo è il sesto sport più seguito, stando all’analisi condotta da StageUp e misurando inoltre una crescita consistente rispetto al 2015. Nonostante i grandi numeri ed incrementi, dovuti anche in parte al mondiale del 2016, che prestò notorietà alla pallavolo maschile femminile, una volta conclusosi l’evento dovette tornare alla dura realtà, dove i soldi scarseggiano, la visibilità (specie quella televisiva) è quasi nulla, poiché viene data priorità a sport come il calcio, lasciando pochissimo spazio nel palinsesto Rai sport. Da citare il caso del volley Piacenza, che rischiava il fallimento dopo aver vinto il campionato lo scorso anno, a causa della mancanza di sponsor e soldi, pertanto sorgono varie lamentele da parte dei direttori che, amanti di questo sport, si chiedono: come rilanciarlo?

Potrebbero interessarti anche...